04 febbraio 2007

Fai il backup del tuo blog!

L'importanza e la necessita' di prevenire la perdita accidentale dei propri dati di lavoro e' ormai indiscutibile.
E' impensabile continuare a lavorare con il rischio di non avere un backup di sicurezza salvato da qualche parte.
Anche un blog o un semplice sito web richiede il suo backup, specie se il servizio offerto e' gratuito come quello di blogger (google).
Provate a contattare il servizio di helpdesk di blogger per il ripristino del vostro blog dal backup piu' recente e vedete cosa vi rispondono:
<<il servizio di blogger.com non garantisce sulla perdita dei dati!>>
E come vuoi rispondere ad un servizio che fornisce uno spazio web gratuito?!
Rispondi solo con la prevenzione del backup!
Devi fare il backup del tuo blog!
E quale e' il metodo migliore per fare questo benedetto backup?
Semplice, basta fare una copia (mirror) in locale di tutto il tuo blog. Oggi esistono molti programmi adatti a questo scopo, ma molti di essi o sono pesanti, o sono a pagamento, o sono limitati, o girano solo su un'unica piattaforma... ed e' per questo motivo che vi consiglio quello da me preferito: wget.

Wget è un software per lo scaricamento di file da Internet, e nasce dal progetto GNU. Supporta i protocolli HTTP, HTTPS e FTP.
E' uno strumento non interattivo, utilizzato su linea di comando si adatta perfettamente ad applicazioni script, genericamente automatizzato in esecuzioni programmate tramite crontab, massicciamente utilizzato dai sistemisti unix/linux, non ricorrere necessariamente ad inutili interfacce grafiche.
Wget può seguire i collegamenti nelle pagine HTML e XHTML e creare versioni locali di un sito remoto, ricostruendo interamente la struttura delle directories originali, cosi' da permettere la visione del sito scaricato senza bisogno di collegamento a internet. Questo comportamento è ciò che normalmente si intende per "download ricorsivo". In questo, vengono rispettati i cosiddetti Robots Exclusion Standard (cioè i file /robots.txt).
Progettato per essere affidabile su collegamenti di rete lenti o instabili ed ottimizzato per garantire lo scaricamento dell'interno file anche in caso di errore, tramite meccanismi di wait e di retry. E nel caso il server lo supporti, ricomincerà a scaricare da dove si era interrotto.
Supporta la connessione tramite server proxy, cosi' da poter alleggerire il carico sulla rete, velocizzare il recupero e fornire accesso dietro firewall.
Nato nel 1996, nel periodo in cui il web è diventato famoso, è incluso in Unix e Linux. Scritto in C portabile, può essere installato in tutti i sistemi Posix. Wget e' disponibile anche per Mac OS X, Microsoft Windows e OpenVMS.
Inoltre per tutti quelli che non amano l'interfaccia testuale, sono disponibili anche tools grafici che permettono di usare Wget con mouse e finestre, come ad esempio gwget per GNOME oppure wGetGUI e winwget per Windows.


wGetGUI main window


wGetGUI download window


winwget main window

Seppur l'utilizzo di wget possa sembrare complicato, vi garantisco che non c'e' nulla di piu' semplice, completo e pulito da installare sul vostro PC o server. E poi e' GNU...ovvero... nessuna licenza, nessun costo, GRATIS e senza alcuna preoccupazione di aver installato qualcosa di illegale!

Per fare un esempio pratico, per scaricare questo piccolo blog in locale (sul mio WindowsXPprof di casa) e' stato necessario digitare quanto segue:

wget -rkpl 1 erobots=off -o wget_log.txt -HD "lapillola.blogspot.com,flickr.com,ifastnet,youtube.com,
video.google.com" http://lapillola.blogspot.com

  • -r (ricorsivo)
  • -k (converti i link in file locali)
  • -p (includi tutte le immagini necessarie a visualizzare la pagina html)
  • -l 1 (massimo livello di ricorsione, in questo caso 1)
  • -erobots=off (escludi il file robots.txt)
  • -o (file di log)
  • -H (foreign hosts ricorsivi)
  • -D (lista dei domini accettati)

Per i piu' esigenti ecco la sintassi completa disponibile per la versione di wget su windows:

wget --help
GNU Wget 1.10.2, a non-interactive network retriever.
Usage: wget [OPTION]... [URL]...

Mandatory arguments to long options are mandatory for short options too.

Startup:
-V, --version display the version of Wget and exit.
-h, --help print this help.
-b, --background go to background after startup.
-e, --execute=COMMAND execute a `.wgetrc'-style command.

Logging and input file:
-o, --output-file=FILE log messages to FILE.
-a, --append-output=FILE append messages to FILE.
-d, --debug print lots of debugging information.
-q, --quiet quiet (no output).
-v, --verbose be verbose (this is the default).
-nv, --no-verbose turn off verboseness, without being quiet.
-i, --input-file=FILE download URLs found in FILE.
-F, --force-html treat input file as HTML.
-B, --base=URL prepends URL to relative links in -F -i file.

Download:
-t, --tries=NUMBER set number of retries to NUMBER (0 unlimits).
--retry-connrefused retry even if connection is refused.
-O, --output-document=FILE write documents to FILE.
-nc, --no-clobber skip downloads that would download to
existing files.
-c, --continue resume getting a partially-downloaded file.
--progress=TYPE select progress gauge type.
-N, --timestamping don't re-retrieve files unless newer than
local.
-S, --server-response print server response.
--spider don't download anything.
-T, --timeout=SECONDS set all timeout values to SECONDS.
--dns-timeout=SECS set the DNS lookup timeout to SECS.
--connect-timeout=SECS set the connect timeout to SECS.
--read-timeout=SECS set the read timeout to SECS.
-w, --wait=SECONDS wait SECONDS between retrievals.
--waitretry=SECONDS wait 1..SECONDS between retries of a retrieval

--random-wait wait from 0...2*WAIT secs between retrievals.
-Y, --proxy explicitly turn on proxy.
--no-proxy explicitly turn off proxy.
-Q, --quota=NUMBER set retrieval quota to NUMBER.
--bind-address=ADDRESS bind to ADDRESS (hostname or IP) on local host

--limit-rate=RATE limit download rate to RATE.
--no-dns-cache disable caching DNS lookups.
--restrict-file-names=OS restrict chars in file names to ones OS allows

--user=USER set both ftp and http user to USER.
--password=PASS set both ftp and http password to PASS.

Directories:
-nd, --no-directories don't create directories.
-x, --force-directories force creation of directories.
-nH, --no-host-directories don't create host directories.
--protocol-directories use protocol name in directories.
-P, --directory-prefix=PREFIX save files to PREFIX/...
--cut-dirs=NUMBER ignore NUMBER remote directory components.

HTTP options:
--http-user=USER set http user to USER.
--http-password=PASS set http password to PASS.
--no-cache disallow server-cached data.
-E, --html-extension save HTML documents with `.html' extension.
--ignore-length ignore `Content-Length' header field.
--header=STRING insert STRING among the headers.
--proxy-user=USER set USER as proxy username.
--proxy-password=PASS set PASS as proxy password.
--referer=URL include `Referer: URL' header in HTTP request.
--save-headers save the HTTP headers to file.
-U, --user-agent=AGENT identify as AGENT instead of Wget/VERSION.
--no-http-keep-alive disable HTTP keep-alive (persistent connections)

--no-cookies don't use cookies.
--load-cookies=FILE load cookies from FILE before session.
--save-cookies=FILE save cookies to FILE after session.
--keep-session-cookies load and save session (non-permanent) cookies.
--post-data=STRING use the POST method; send STRING as the data.
--post-file=FILE use the POST method; send contents of FILE.

HTTPS (SSL/TLS) options:
--secure-protocol=PR choose secure protocol, one of auto, SSLv2,
SSLv3, and TLSv1.
--no-check-certificate don't validate the server's certificate.
--certificate=FILE client certificate file.
--certificate-type=TYPE client certificate type, PEM or DER.
--private-key=FILE private key file.
--private-key-type=TYPE private key type, PEM or DER.
--ca-certificate=FILE file with the bundle of CA's.
--ca-directory=DIR directory where hash list of CA's is stored.
--random-file=FILE file with random data for seeding the SSL PRNG.
--egd-file=FILE file naming the EGD socket with random data.

FTP options:
--ftp-user=USER set ftp user to USER.
--ftp-password=PASS set ftp password to PASS.
--no-remove-listing don't remove `.listing' files.
--no-glob turn off FTP file name globbing.
--no-passive-ftp disable the "passive" transfer mode.
--retr-symlinks when recursing, get linked-to files (not dir).
--preserve-permissions preserve remote file permissions.

Recursive download:
-r, --recursive specify recursive download.
-l, --level=NUMBER maximum recursion depth (inf or 0 for infinite).
--delete-after delete files locally after downloading them.
-k, --convert-links make links in downloaded HTML point to local files.
-K, --backup-converted before converting file X, back up as X.orig.
-m, --mirror shortcut for -N -r -l inf --no-remove-listing.
-p, --page-requisites get all images, etc. needed to display HTML page.
--strict-comments turn on strict (SGML) handling of HTML comments.

Recursive accept/reject:
-A, --accept=LIST comma-separated list of accepted extensions.
-R, --reject=LIST comma-separated list of rejected extensions.
-D, --domains=LIST comma-separated list of accepted domains.
--exclude-domains=LIST comma-separated list of rejected domains.
--follow-ftp follow FTP links from HTML documents.
--follow-tags=LIST comma-separated list of followed HTML tags.
--ignore-tags=LIST comma-separated list of ignored HTML tags.
-H, --span-hosts go to foreign hosts when recursive.
-L, --relative follow relative links only.
-I, --include-directories=LIST list of allowed directories.
-X, --exclude-directories=LIST list of excluded directories.
-np, --no-parent don't ascend to the parent directory.


Che volete di piu' dalla vita?
Ma poi spiegatemi una cosa, perche' devo utilizzare l'interfaccia grafica se con due righe (da interfaccia testuale) faccio tutto e sicuramente senza crash improvvisi!!
Utilizziamo gli standard, non reinventiamo l'acqua calda, quindi utilizziamo le cose che funzionano, please!

ps. HTTrack e' accettabile, ma preferisco GNU Wget.

GNU Wget per unix/linux
GNU Wget per windows

Etichette: ,

...continua...

14 gennaio 2007

Maledetto Helpdesk!!!


Pronto Helpdesk!? Non riesco a fare il login da questo maledetto pc...che diavolo state facendo?! Il pc e' rotto! Vieni immediatamente o manda qualcuno a ripararlo! Subito! Mi avete rifilato un cesso di PC! C'e' sicuramente un virus...corri subito da me che ho una presentazione urgente da fare! Alza il culo da quella sedia... allora quando vieni!? Dimmi i minuti e i secondi esatti!!!
Sistemista o helpdesker che sei... non ti lascero' mai vivere in pace!
Ti chiamero' per ogni minimo dubbio su questi maledetti PC: sarai il mio schiavo, sia per il lavoro che svolgo in questa azienda, che per i problemi personali che ho a casa! ;>




drin..drin..
utente:
il sistema mi dice che ho ricevuto un'email....quando posso passare da voi per venire a prenderla?
Vincenzo:
!?


drin...drin...
utente:
il mio mouse non funziona
Vincenzo:
ok nessun problema, ora veniamo a cambiarlo
utente:
ok grazie!
l'utente tentava di utilizzare il mouse, allo stesso modo di come oggi si adopera un Remote Control della console Nintendo WII, tenendolo quindi sollevato e puntandolo verso il monitor.


drin...drin...
utente:
non riesco a fare il login da questo maledetto pc...che diavolo state facendo?!
Vincenzo:
nella maschera di login e' stato selezionato il dominio "xxxxx"?
utente:
si! Trovo scritto "xxxxx"!
Vincenzo:
Lo usename e' quello corretto? Aspetta ti dico quale dovrebbe essere il tuo..... eccolo... il tuo username e' "yyyyy"
utente:
mi hai preso per stupido?! Conosco bene il nome di login
Vincenzo:
prova adesso a rifare il login che verifico il log nel server di dominio
utente:
fatto!
Vincenzo:
mmhhh...strano nel log non trovo niente...e il PC risponde correttamente al ping...
utente:
forse non hai capito il problema....quando inserisco la mia password, escono fuoi tutti asterischi...c'e' sicuramente un virus...corri subito da me che ho una presentazione urgente da fare!
Vincenzo:
?!


drin...drin...
utente:
ho un problema serissimo!
Vincenzo:
dimmi tutto...
utente:
quando parte lo screensaver non appare piu' la foto di mio figlio!
Vincenzo:
?!


drin...drin...
utente:
il pc e' rotto! Vieni immediatamente o manda qualcuno a ripararlo! Subito!
Vincenzo:
la nostra rete e' stata strutturata in modo che chiunque facendo il login su un altro pc ritrova il proprio ambiente di lavoro....sempre se i files di lavoro sono stati salvati sui dischi di rete e non in locale...comunque tutti i pc client sono configurati alla stessa maniera, ritroverai quindi tutti i programmi e i files facendo il login sul PC "xyz" disponibile nel tuo ente...tutto cio' per non bloccare la tua attivita' lavorativa durante il tempo necessario per l'intervento tecnico sul problema... comunque se riscontriamo rotture hardware sul PC, provvederemo con l'immediata sostituzione....
utente:
non mi alzo dalla mia sedia! vieni subito, altrimenti chiamo il direttore.
Vincenzo:
!?
Vincenzo si reca dall'utente

Vincenzo:
attenzione! Quel bottone serve per accendere solo il monitor!
utente:
che strano deve essere un modello nuovo, giuro che il PC che ho a casa lo accendo da quel pulsante.


drin...drin...
utente:
Scusi quanto costano i colori da mettere nel PC ? Adesso ne ho pochi e ne vorrei di più


drin...drin...
utente:
il mio maledetto PC non si accende. Mi avete rifilato un cesso di PC!
Vincenzo:
Hai visto se le prese sono tutte collegate?
utente:
Certo. Di recente hanno spostato la mia scrivania e ho provveduto a spostare di persona il PC riattaccando tutto su una ciabatta.....
Vincenzo:
ah...in genere ci chiamano anche un banale spostamento di un pc... grazie mille per cio' che hai fatto... ti sei meritato un caffe'! Ma la ciabatta è collegata alla presa di alimentazione?
utente:
bè....certo.....altrimenti non avrei chiamato, è possibile che sia guasto l'alimentatore...non sò...non dà segni di vita.
Vincenzo:
Ok, salgo subito!
Una volta arrivato nell'ufficio dell'utente, controllo che tutto sia apposto... incredibile...le prese del Pc collegate sulla ciabatta e la ciabatta collegata su se stessa!!

Una cosa che ho notato e' che spesso si commette l'errore di associare la parola helpdesk alla figura del ragazzetto smanettone non particolarmente esperto... allora, vediamo cosa dice "The Practice of System and Network Administration" (Addison Wesley) di Thomas Limoncelli e Christine Hogan:
<<A helpdesk is a place, real or virtual, where people can get answers to their computing questions, report problems, and request new services. It may be a physical desk that people walk to, or it may be a virtual helpdesk that people access electronically.
Nothing is more important than your helpdesk. The helpdesk is the face of your organization. These are the people who make the first impression on your customers and maintain your relationship, good or bad, with them.
The helpdesk staff fix the daily problems that are part of living with modern computers, and they are the heroes who are called when customers have an emergency. A good helpdesk reflects well on your organization. The typical customer sees only the helpdesk portion of your organization. They often assume this is your entire organization. They have no idea what "back office" operations and infrastructure are also performed. In short, a helpdesk is for helping the customers. Don't forger the "help" in "helpdesk".>>

(aggiungo io...non fate come Roy e Moss di the it crowd...anche se a volte i vostri utenti sono insopportabili!. E voi semplici utenti, tenete alto il morale di chi ne sa piu di voi!)

Ma il problema piu' serio per chi fa helpdesk e' la "continua interruzione", che spesso induce a errori e a inutili perdite di tempo; vediamo cosa ci dice "Time Management for System Administrators" (O'Reilly) :
<<I realize that as a system administrator (SA), you are flooded with constant interruptions. The phone rings, a customer stops by with questions, your email reader beeps with the arrival of a new message, and someone on Instant Messenger (IM) is trying to raise your attention.
Suppose you are in an environment with two SAs. You and your coworker can agree to establish a mutual interruption shield . Before lunch, you field all the interruptions so that your coworker can work on projects. After lunch, your coworker fields all the interruptions and lets you work on projects. Obviously, if there is an emergency or an urgent request that only you can handle, you'll drop what you're doing (come al solito!). However, you'll find that by organizing your days like this, you'll see an immediate improvement in the amount of project work you get done.
This method works particularly well when there are a lot of SAs.

How many times have you told your boss that something will take a day of uninterrupted time, which means it will be done a month from now? SAs say this because their project work is constantly interrupted with requests from customers and management alike.
But when a system administrator says, "Users are always bothering me!" what he really means is, "I wish I could maintain focus on my tasks."

When we are focused and can work uninterrupted, we can get anything done. Focus is concentrated effort. When we are focused, we get our work done in less time, and our newly found free time can be used for more work or social activities. It's like eliminating unused peripherals from your laptop the battery lasts longer and you can do more work or spend more time playing a game.

Interruptions are the natural enemy of focus. They steal time from us both directly and indirectly. The direct way they steal time is obvious: an interruption that stalls us for t minutes delays task completion by t minutes. That's easy. However, the indirect way that they steal time is more insidious. When you return from an interruption, you have to spend p minutes to figure out where you left off. If you were interrupted during the third step of a multipart process, do you return to step three or step four? Figuring out where you left off is extra work that steals time from the project. I confess that in my career as an SA the biggest technical mistakes I've made can be traced to an interruption that led me to skip a step or forget to verify the previous step I had been working on. I returned to step four instead of threeoops. If the time spent recovering from those mistakes is s, then the total delay as the result of an interruption is t+p+s, which can be longer than the task itself!

Unfortunately, as an SA, interruptions are a fact of life. We must deal with our customers' needs it's a job requirement. But balancing those needs with our project goals can be a hassle and a strain on personal relations with our coworkers.

Let's begin by trying to eliminate the single most annoying interruption that exists: someone interrupting you when he should be going to someone else. Is this the right way to handle such interruptions?

"Tom, there's a problem with the web server."

"Great! I look forward to your results when you talk to the people responsible for the web servers."

No, that would be rude. The great thing about being a system administrator is that everyone assumes that you are all knowing and all powerful. Sadly, most of us are only all powerful within a certain scope of responsibility. While it may be annoying to be asked about systems outside your scope, you really can't get angry at someone for trying. Have you ever intentionally asked the wrong person a question? Not likely. So when you get annoyed at someone for making a request that "is obviously not my job," put yourself in that person's shoes. He didn't know a better place to go. Chances are, it's a compliment: you're the smartest person he could think of to ask for help (or the smart people were at lunch). Most organizations don't make it really obvious who is the most appropriate person to go to for help with particular problems.>>

Appoposito...per migliorare la qualita' del servizio di helpdesk, cercate di convincere il vostro responsabile IT dell'importanza dell'utilizzo di un buon network monitoring application come Nagios (per monitorare e verificare il funzionamento di tutto cio' che e' in rete); di avere tutta la documentazione gestita in un unico punto con l'aiuto di MediaWiki; e dell'implementazione di un buon request-tracker, tipo RT della Best Practical (c'e' anche un bel libro della O'Reilly chiamato RT Essential che spiega come installare e amministrare questo favoloso web-based tool).
Anche questa volta e' tutto Open Source... ovvero non spendete una lira...ops...volevo dire un euro e vi assicuro che difficilmente troverete di meglio...lo dicono anche Thomas Limoncelli e Christine Hogan.

Ciao e alla prossima pillola!

Etichette: , ,

...continua...

13 gennaio 2007

DeLurking Day 2007



"L'idea di fondo è far venire allo scoperto i lurker, come vengono chiamati tutti coloro che frequentano un sito web, ad esempio un blog, senza mai dare cenno della propria esistenza, lasciando le proprie tracce informatiche nei log di accesso senza mai partecipare. È di spingerli a dire per una volta "io ci sono" e di farlo anzi tutti insieme, nello stesso giorno, a vicendevole testimonianza di presenza ed esistenza. Di essere non più osservatori ma membri di una comunità."

Etichette: ,

...continua...

Blogger Template: cambia il tuo logo!



Per tutti quelli che come me, non ancora utilizzano un servizio di hosting per il proprio blog e continuano a fruttare l'ottimo blogger di google senza spendere un centesimo di euro, ecco un semplice hack per poter modificare il vostro template, sostituendo o aggiungendo un logo grafico nel titolo testuale dell'header.

Attenzione! Ricordati di fare un backup del tuo template prima di iniziare con le modifiche!

Aggiunta logo al titolo testuale

Se desideri lasciare il titolo testuale, magari aggiungendo un'immagine nel tuo header, basta includere il tag <IMG> nei due campi "Titolo" e "Descrizione" nella pagina di configurazione di Blogger:
  • seleziona "Impostazioni" -> "Base"
  • sul campo "Titolo", posiziona il cursore a sinistra del titolo testuale del tuo blog
  • inserisci il tag <IMG> facendolo puntare alla location dell'immagine desiderata

    <IMG SRC="[your domain and filename]">

  • uscire dal menu' di configurazione ricordandosi di salvare
Questo metodo e' veramente semplice, ma fortemente sconsigliato, in quanto se si modifica il campo "Titolo", il nome del vostro blog sara' meno visibile e meno indicizzato dai motori di ricerca.

Sostituzione titolo testuale con un logo

Il miglior approccio, in questi casi, e' l'utilizzo del metodo CSS Fahrner Image Replacement (FIR), ovvero un'elegante soluzione che utilizza gli stylesheets per sostituire il testo con un'immagine, essenzialmente nascondendo il testo dagli "standards-compliant browsers".
Cio' avviene creando uno stile che setta il testo a "display: none", in aggiunta di un altro stile che visualizza invece l'immagine di background.
Questo approccio' pero', introduce delle barriere di accessibilita', perche' "display: none" rende ogni elemento (con questa dichiarazione) invisibile a certi screen readers e motori di ricerca. Anche se molte persone stanno lavorando a delle varianti di FIR per la risoluzione di questo problema, nel frattempo vi consiglio questa soluzione di compromesso:
  • apri il tuo blog template
  • inserisci il tag vuoto <SPAN></SPAN> nell'area Header, dopo <$BlogTitle$>
  • spostati nella parte relativa alla dichiarazione degli stili , e modifica lo stile #blog-title (invece di display:none; puoi settare il font-size al 2% senza qundi eliminare il titolo, ma rendendo quest'ultimo visibile agli screen readers e ai motori di ricerca e invisibile ai visitatori del blog)

  • #blog-title {
    margin:5px 5px 0;
    padding:0px 0px .25em;
    border:1px solid #357;
    border-width:1px 1px 0;
    font-size:2%; !importante;
    line-height:1.2em;
    color:#135; !importante;
    text-transform:uppercase;
    letter-spacing:.2em;
    }
  • crea un nuovo stile chiamato #blog-title span. L'esempio in basso dovrebbe centrare l'immagine grafica sopra il testo nascosto.

    #blog-title span {
    display:block;
    top:0;
    width:666px;
    margin-top:2px;
    margin-right:auto !importante;
    margin-left:auto !importante;
    z-index:1 !importante;
    height:86px;
    background:url("http://dominio/immagine.jpg") no-repeat;
    }
  • salva i cambiamenti effettuati al tuo template

E' ovvio che avere un proprio dominio con servizio di hosting e' tutta un'altra cosa...i vantaggi sono molti...ma per chi vuole iniziare a sperimentare un blog senza farne una ragione di vita, blogger e' una valida alternativa, ma ricordate... google non garantisce sulla perdita accidentale dei dati, quindi fate sempre il backup del template e dei posts!

Ciao e alla prossima pillola!

Etichette: , ,

...continua...

07 gennaio 2007

"Downsizing" e "Brigthsizing": il futuro delle nostre aziende

Sai che le aziende tendono a essere "snelle ed efficienti". Un amico mi dice che la sua ha fatto di meglio. Ora e' "scheletrica e deficiente".

I pessimisti fanno notare che i primi ad andarsene da un'azienda che si riduce sono quelli "bright", i piu' intelligenti, i piu' geniali, i piu' dotati, che prendono al volo liquidazione e buonuscita e cercano immediatamente lavoro altrove. Gli impiegati ottusi che rimangono in azienda produrranno lavoro di bassa qualita', ma compenseranno lavorando piu' ore e producendo piu' lavoro di prima ma di bassa qualita' pro capite.

<< Dopo che tutta la gente in gamba era volata via, le aziende si resero conto che per mantenere alto il morale* dovevano far sembrare il downsizing qualcosa di piu' di uno sviluppo positivo. Questo fu ottenuto grazie ad un processo creativo consistente nell'inventare frasi dal suono allegro che significassero tutte la stessa cosa:

"Lei e' licenziato" (1980).
"Lei e' dimissionato" (1985).
"Lei e' ristrutturato" (1990).
"Lei e' in esubero" (1992)
"Lei e' ...flessibilizzato? ...felicitato?...orgasmizzato?" (oggi)

Tante parole per dire semplicemente "Lei e' stato inchiappettato!" >>
* Per qualche motivo, era basso il morale degli impiegati che si erano resi conto che il lavoro era triplicato, i loro stipendi non erano cambiati, e loro erano anora lì, mentre tutta la "gente in gamba" se n'era andata.

Anche tu sei un pessimista come me e Dilbert?

Etichette: , ,

...continua...